Clicca qui per entrare in:
My Wedding Diary

Clicca qui per entrare in:
Area Operatori

 

Trova per il tuo matrimonio...
Regione
Provincia
Cosa


Inserisci la tua azienda:
È GRATIS!
 
 
 
 
TiSposo
LOGIN/Registrazione Blog WebTV Pubblicità

      LA SPOSA

 

      LO SPOSO

 

      I PREPARATIVI

 

      E POI...

 

      NON SOLO SPOSI

 

      SHOP ONLINE

 

      CURIOSITÀ

 
 
 
 

La Prima Notte di Nozze

 

 JUS PRIMAE NOCTIS - IL DIRITTO DELLA PRIMA NOTTE

 
 

Si dice che in moltissime città medioevali vigesse il cosiddetto diritto della prima notte, secondo il quale la novella sposa doveva giacere, la sua prima notte di nozze, con il duca o il barone del paese, dimostrando addirittura di essere anche illibata.

Lo jus primae noctis, in realtà, non è mai esistito.

Ecco come e perché nacque e si sviluppò questa leggenda...

Lo jus primae noctis è un’invenzione letteraria nata nei secoli di passaggio tra il Medioevo e l’Età Moderna. Possediamo e conosciamo bene la legislazione dei cosiddetti Regni romano-barbarici, e di esso non vi è traccia; gli storici e gli antropologi hanno rivoltato ogni virgola della legislazione longobarda, e non hanno trovato niente che assomigli allo jus primae noctis. Lo stesso dicasi per la legislazione carolingia e dei regni successivi, per non parlare di quella del Sacro Romano Impero e dei Comuni: niente di niente, neanche un accenno. E allora, come è possibile che una simile panzana sia nata e goda tuttora di così tanta fortuna?

Furono per primi i giuristi del Medioevo morente a fantasticare di un simile diritto, che sarebbe esistito in un passato lontano anche dalla loro epoca, interpretando in modo errato alcuni tributi che venivano pagati dai villani ai signori al momento del matrimonio. Essi scambiarono il maritagium o foris maritagium come un riscatto di un antico diritto reale del signore sugli sponsali. In realtà si trattava di una somma che il padre della sposa dava per ottenere il permesso di dare una dote alla figlia: terre e poderi che passavano dal signore alla futura sposa in cambio di un'indennizzo. In pratica, quindi, il diritto gravava sui beni, non sulle persone.
Un altro elemento che contribuì ad alimentare il mito fu la tassa che i coniugi, in certe aree, dovevano pagare alla Chiesa per poter consumare il matrimonio la prima notte di nozze. Anticamente gli sposi dall'indole particolarmente religiosa (e successivamente fu imposto a tutti), al termine della cerimonia laica, usavano farsi dare una benedizione speciale dal sacerdote e, per rispetto a essa, la prima notte si astenevano dai rapporti sessuali.

 

Secondo studi recenti, addirittura, lo jus primae noctis "nacque" nel 1526 dalle parole dallo scozzese Hector Boethius. Boethius scrisse una Storia della Scozia a partire dall'epoca celtica e parlando delle riforme attuate re Malcolm III Canmore, vissuto nell’XI secolo, introdusse il passo seguente: «... fu abrogata una usanza pessima e vergognosa instaurata dal tiranno Evenus che consisteva, per i signori dotati di potere, di godere la primizia della verginità di tutte le spose del loro territorio. Da allora lo sposo poteva riscattare quella notte versando al signore mezza marca d'argento; essi sono ancora oggi tenuti a versare questa somma, che è chiamata comunemente "merchet della donna"» (il maritagium prende il nome di merchet). Non si tratta altro che del vecchio maritagium ammantato di una spiegazione più piccante.
Il mito attecchì con straordinaria fortuna e la storiella del mai esistito tiranno Evenus fu presa per buona senza che nessuno si prendesse la briga di controllare su quale base documentaria si fondasse.

 

TiSposo consiglia...

Intimo

Ci sono 166 operatori » Visualizzali

 

Leggi anche...

 » La prima notte... nella storia
 » Sensualità nel nuovo millennio
 » Biancheria intima
 » Le origini
 
 © 2004- - TiSposo.it è una realizzazione di antipodi srl Contatti | Facebook | Partner | Privacy